EMERGENZA
COVID-19

La risposta salesiana

SOCIALE

SALUTE E NUTRIZIONE

ORATORI E CHIESE

Aiutaci a sostenere gli ultimi in tutte le missioni

“Sapremo quanto il virus si è diffuso quando la gente inizierà a morire”, ci hanno scritto dalle regioni più povere del pianeta tanti missionari salesiani. I Figli di Don Bosco, con la concretezza che li contraddistingue, si sono subito attivati per sostenere la popolazione durante questa emergenza sanitaria di portata catastrofica, in un contesto in cui i sistemi sanitari sono deboli, mancano medici e strumenti, le popolazioni sono già provate da fame, povertà e altre malattie infettive. In Africa, Asia, Sudamerica, nelle baraccopoli, nei villaggi rurali, i missionari sono al fianco della popolazione più svantaggiata, attraverso campagne di prevenzione, distribuzione di mascherine, sapone e disinfettante, sostegno alimentare e accoglienza.
Ci arrivano quotidianamente richieste dal sud del mondo da parte dei Figli di Don Bosco che vogliono assistere famiglie, madri sole, bambini di strada e anziani, che in questo momento rappresentano una delle categorie più vulnerabili.
Noi, siamo al loro fianco: aiutaci a portare avanti il lavoro dei salesiani durante l’emergenza Covid-19.

India

"21 giorno di blocco, preceduti da una corsa ai beni di prima necessità. Sono spaventato, la maggior parte degli indiani vive in pessime condizioni e qui siamo un miliardo e 330mila persone", Vicent Thamburaj.

"Stiamo aiutando le famiglie colpite di Hyderabad, quelle più povere dei migranti che si trovavano nella regione e che hanno perso il loro impiego e i 200 bambini orfani con kit alimentari e mascherine ", Padre Thathi.

Brasile

"Oltre al cibo, mancano oggetti di prima necessità come carta igienica, pannolini, sapone per lavare il corpo, gli indumenti, le stoviglie”, Padre Giacomo.

“La spesa delle famiglie per il cibo e il gas è aumentata: prima si faceva affidamento su un pasto sostanzioso durante il giorno presso l’Opera Sociale, adesso le famiglie devono provvedere al pranzo oltre alla cena", Padre Rosalvino.

Guatemala

"Il Covid-19 è arrivato anche qui, in un paese in cui il distanziamento sociale è pura utopia, la sanità è inesistente, le condizioni di vita della maggior parte della gente inumane e dove però la fede è forte", Padre Giampy.

REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

"Se a Mbuji May scoppiasse una pandemia di Covid-19, si aggiungerebbe a quella di colera che ha già messo in ginocchio i pochi centri sanitari esistenti", Padre Perez

"A Lubumbashi a causa della corsa all’approvvigionamento alimentare, manca il cibo e i prezzi raddoppiano. Le proteste della popolazione vengono represse con violenza, sono già stati uccisi diversi ragazzi”, Padre Albert.

Argentina

"Molti capifamiglia (uomini o donne) vivono alla giornata – se non lavorano tutti i giorni (di solito come ambulanti abusivi), in casa non si mangia", Figli di Don Bosco dall'Argentina.

Ecuador

"Un mix di irresponsabilità e povertà economica e culturale rende difficile stabilire il numero dei contagiati, ma le immagini degli ospedali in collasso e dei cadaveri abbandonati per le strade di Guayaquil parlano chiaro", Figli di Don Bosco dall'Ecuador.

BURKINA FASO

"I confini sono chiusi, ma il panico dilaga. La popolazione non ha strumenti di nessun tipo, vive alla giornata ed è totalmente impreparata", Padre Didier Meba.

Sierra Leone

"Questo è un Paese in cui ci sono sempre stati decessi per tubercolosi, AIDS, malaria, malattie dell’apparato respiratorio… ci stiamo preparando ai peggiori scenari", Padre Crisafulli.

Senegal

"Qui c’è molta paura, il governo ha predisposto il coprifuoco dalle 8 di sera alle 6 del mattino. Le misure sono contradditorie: gli edifici pubblici sono chiusi, ma i servizi di trasporto e i mercati funzionano ", Carlos Berro.

Camerun

"Qui è molto difficile proteggersi, sebbene il governo abbia diramato delle istruzioni per prevenire il contagio. Pare già 50 persone abbiano contratto il virus. Confidiamo nei 33 gradi di temperatura e nella infinita bontá del Signore", Don Agustin Cuevas.

Benin

"Qui in Benin la gente vive per strada, il confinamento è praticamente impossibile, inoltre l’assistenza sanitaria nazionale non esiste, sapremo se il virus si è diffuso quando la gente inizierà a morire.", Hernan Cordero.

Angola

"Il governo ha subito imposto delle misure restrittive, ma purtroppo è poco considerando che il problema principale sono la carenza di acqua e l'immondizia ovunque, oltre alla speculazione su mascherine e disinfettanti.", Maximo David Herrera.

Liberia

"La Liberia è una nazione che è stata in quarantena per 2 anni a causa dell’Ebola, e adesso, sta di nuovo combattendo con lo spettro di una simile se non peggiore situazione ", Padre Riccardo Castellino.

Sudan

"Il Sudan sta affrontando molte sfide da tanti anni – la più importante, quella della pace, per cui i divieti di riunirsi e di stringersi la mano suonano davvero strani", Jacob Jartum.

Etiopia

"Troppo rischioso uscire per le strade di notte in cerca di ragazzi, quindi abbiamo fatti diversi viaggi in pullman per portare dentro il Bosco Children quanti più ragazzi possibili. Abbiamo acqua, cibo, carburante, sapone e alcool per andare avanti", Padre Angelo Regazzo.

Madagascar

"La gente malgascia sta soffrendo enormemente in questo periodo di isolamento: possiamo apertamente dire che “la gente ha fame!” Abituati alla sofferenza, la gente non dice niente, ma sul loro volto si può leggere la tragedia di chi non ha da mangiare", Don Bepi Miele.

Venezuela

“La situazione in Venezuela è certamente peggiorata perché il Covid-19, che riguarda tutto il mondo, ha trovato il mio Paese in uno stato di handicap.Il governo nasconde le cose. Non c’è combustibile per trasportare gli alimenti e le altre cose necessarie. La gente viveva già una grave carenza alimentare e gli ospedali erano già da tempo senza risorse”, Padre Rafael Montenegro.

 

Giampietro

Non condividiamo solo i frutti velenosi di questa epidemia, ma anche i frutti belli:
la solidarietà, il sacrificio, la generosità, la pazienza, la speranza.”

Giampietro Pettenon SDB

-
Presidente di Missioni Don Bosco
2020 © Missioni Don Bosco Valdocco Onlus

Cod. Fiscale: 97792970010 

Telefono: 0113990101 – mail: info@missionidonbosco.org 

Privacy Policy per visitatori del sito: MISSIONI DON BOSCO

Informazioni sul trattamento di dati dei visitatori che consultano il sito

PERCHÉ QUESTE INFORMAZIONI

Ai sensi del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito “Regolamento”), questa pagina descrive le modalità di trattamento dei dati personali dei visitatori/utenti che consultano il sito web di Missioni Don Bosco  accessibile per via telematica al seguenti indirizzo: https://www.missionidonbosco.org

Le presenti informazioni non riguardano altri siti, pagine o servizi online raggiungibili tramite link ipertestuali eventualmente pubblicati nel sito ma riferiti a risorse esterne al dominio di Missioni Don Bosco.

A seguito della consultazione del sito sopra elencato possono essere trattati dati relativi a persone fisiche identificate o identificabili e la permanenza nella consultazione costituisce autorizzazione al trattamento dei dati.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Titolare del trattamento è l’ente Missioni Don Bosco Valdocco Onlus con sede in Via Maria Ausiliatrice, 32 10152 Torino;

Email: info@missionidonbosco.org

PEC: missionidonbosco@postecert.it

centralino +39 0113990101.

RESPONSABILE DELLA PROTEZIONE DEI DATI

Il Responsabile della Protezione dei Dati (RPD) è raggiungibile al seguente indirizzo:

Responsabile della Protezione dei dati personali, – 01103990101 email: privacy@missionidonbosco.org.

BASE GIURIDICA DEL TRATTAMENTO

I dati personali di cui alla presente informativa sono trattati dall’ente esclusivamente nell’esecuzione dei propri compiti filantropici e di sostegno e promozione delle opere missionarie, apostoliche e caritative avviate prevalentemente dalla Congregazione salesiana, aderente alla confessione della Chiesa Cattolica, o per gli adempimenti previsti da norme di legge o di regolamento.

Nell’ambito di tali finalità il trattamento riguarda anche i dati relativi alle iscrizioni/registrazioni al portale necessari per l’eventuale gestione dei rapporti con l’ente, nonché per consentire un’efficace comunicazione e per adempiere ad eventuali obblighi di legge, regolamentari o contrattuali.

TIPI DI DATI TRATTATI E FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.

In questa categoria di dati rientrano, a titolo esemplificativo, gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer e dei terminali utilizzati dagli utenti, gli indirizzi in notazione URI/URL (Uniform Resource Identifier/Locator) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.

Tali dati, necessari per la fruizione dei servizi web, vengono trattati anche da terzi allo scopo di:

  • ottenere informazioni statistiche sull’uso dei servizi (pagine più visitate, numero di visitatori per fascia oraria o giornaliera, aree geografiche di provenienza, aree di interesse, ecc.);
  • controllare e migliorare il corretto funzionamento dei servizi offerti e la promozione degli stessi.

Dati comunicati dall’utente

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di messaggi agli indirizzi di contatto dell’ente, i messaggi privati inviati dagli utenti ai profili/pagine istituzionali sui social media (laddove questa possibilità sia prevista), nonché la compilazione e l’inoltro dei moduli presenti sui siti dell’ente, comportano l’acquisizione dei dati di contatto del mittente, necessari a rispondere, nonché di tutti i dati personali inclusi nelle comunicazioni.

Specifiche informative verranno pubblicate nelle pagine dei siti dell’ente predisposte per l’erogazione di determinati servizi.

Cookie e altri sistemi di tracciamento

Viene fatto uso di cookie di sessione (non persistenti) in modo strettamente limitato a quanto necessario per la navigazione sicura ed efficiente dei siti. La memorizzazione dei cookie di sessione nei terminali o nei browser è sotto il controllo dell’utente, laddove sui server, al termine delle sessioni HTTP, informazioni relative ai cookie restano registrate nei log dei servizi.

DESTINATARI DEI DATI

Sono destinatari dei dati raccolti a seguito della consultazione dei siti sopra elencati i seguenti soggetti designati dall’ente, ai sensi dell’articolo 28 del Regolamento, quali responsabili del trattamento.

– il personale interno autorizzato al trattamento, autonomi titolari del trattamento, anche per fini connessi all’erogazione dei servizi di interesse (gestori di siti. Istituti di credito o emissione di carte, soggetti esterni erogatori di servizi convolti in attività strumentali all’invio delle comunicazioni, soggetti terzi coinvolti per l’ottimizzazione dei servizi di marketing e promozione) o in ottemperanza a norme e regolamenti che ne dispongono la comunicazione, nonché gli organi di controllo.

DURATA DI CONSERVAZIONE

I dati verranno conservati per un periodo di tempo non superiore al conseguimento delle finalità, (“principio di limitazione della conservazione”, art. 5 del Regolamento UE) o in base alle scadenze previste dalle norme di legge.

FACOLTATIVITÀ DEL CONSENSO

A parte quanto indicato per i dati di navigazione che acquisiscono dati in modo automatico, i visitatori sono liberi di fornire i propri dati personali o non fornirli. Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di essere ricontattati e di conoscere quanto richiesto ovvero di continuare nella consultazione del sito oltre le pagine di presentazione.

Il consenso al trattamento dei propri dati è reperito attraverso la casella di spunta/checkbox, che permette all’ente di indirizzare comunicazioni ed informazioni promozionali inerenti le Missioni e le varie attività della Congregazione salesiana: l’ente si riserva di inibire la navigazione sul sito in assenza di detta autorizzazione. L’autorizzazione si intende riferita al trattamento dei dati anche a favore di parti terze cui l’ente si rivolga per l’ottimizzazione dei servizi di marketing e promozione, ovunque ubicati.

Ove per motivi afferenti dati sensibili (ad esempio richieste di messe o preghiere per particolari finalità) l’utente dichiara le finalità della donazione, la richiesta comporta implicitamente l’ autorizzazione al trattamento del dato fornito.

DIRITTI DEGLI INTERESSATI

Gli interessati hanno il diritto di ottenere dall’ente, nei casi previsti, l’accesso ai propri dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento) attraverso specifica richiesta a: privacy@missionidonbosco.org

DIRITTO DI RECLAMO

Gli interessati che ritengono che il trattamento dei dati personali a loro riferiti effettuato attraverso questo sito avvenga in violazione di quanto previsto dal Regolamento hanno il diritto di proporre reclamo al Garante, come previsto dall’art. 77 del Regolamento stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79 del Regolamento).